Bando campagna di Primavera 2015

 

Nel novembre 2015 la Direzione Nazionale UILDM istituisce il Bando "Campagna di Primavera 2015".

Esso nasce per distribuire i fondi raccolti durante l'evento "Campagna di Primavera 2015"  sotto forma di finanziamento di progetti che le Sezioni locali hanno presentato. Le idee progettuali sono state valutate da una Commissione, in base ai criteri presenti nel bando e in base a una graduatoria sono state tutte finanziate, suddividendole in fasce di finanziamento a seguito della posizione raggiunta.

È stata messa a disposizione all'inizio una somma di € 100.000 che poi è stata portata a oltre € 120.000 per dare l'opportunità a tutti i progetti presentati dalle Sezioni di essere finanziati e sostenuti.

Di seguito proponiamo in ordine alfabetico per Sezione una sintesi delle idee progettuali che verranno sviluppate nei prossimi mesi.


 

Ancona - Arte di tutti Arte per tutti

L'obiettivo è l'acquisizione dei livelli di accessibilità e fruibilità dei musei della provincia, per informare i visitatori e agevolare gli operatori museali nel fornire informazioni, sensibilizzandoli anche ad attivarsi personalmente per l'abbattimento delle barriere architettoniche e degli ostacoli che possono limitare i visitatori con disabilità.

Bergamo - Progettare futuro

È il progetto con cui le Sezioni di Bareggio, Bergamo, Legnano, Milano e Pavia si pongono l'obiettivo di promuovere il ricambio generazionale e la partecipazione dei giovani alla vita associativa. Le Sezioni hanno, nel tempo, ideato iniziative rivolte ai giovani: il wheelchair hockey, il laboratorio teatrale inclusivo e l'attività in acqua, il sostegno all'autonomia.

Bologna - Al tuo fianco

Il progetto mira ad agire in sinergia con i servizi territoriali per sostenere nell'assistenza domiciliare la famiglia, specie se mono-parentale, e a supportarla, in particolare se straniera, nella relazione con servizi del territorio, medici e nella gestione delle conseguenze della patologia. Infine fornirà un servizio di sostegno psicologico a caregivers e a persone con patologie neuromuscolari.

Segui gli sviluppi del progetto.

Catania - Presa in carico

Obiettivi del progetto sono aumentare i fruitori di servizi di sostegno e le ore di assistenza domiciliare settimanali ed extra-domiciliare mensili. Assicurare il servizio di assistenza psicologica e sociale e rendere fruibile il Centro di Ascolto. Infine, aumentare il numero di pazienti afferenti ai servizi di consulenza per la diagnosi e di orientamento medico-riabilitativo per le complicanze.

Cittanova - Laboratoriamo!

Il progetto mira alla creazione di un laboratorio di informatica, progettato per i ragazzi con disabilità che frequentano il centro UILDM e, attraverso diverse tipologie di attività, ad avviare un percorso di acquisizione di competenze per una più facile introduzione al lavoro.

Genova - Sportello Famiglia

Il progetto ha come obiettivo il potenziamento dello Sportello Famiglia, avviato nel 2014, anche ampliandone i servizi offerti che si aggiungeranno a quello di segretariato sociale: il supporto psicologico a distanza, le attività di telefono amico, il gruppo di auto-mutuo aiuto e il focus group sulla comunicazione della diagnosi.

Gorizia - Sulle ali del benessere

Il progetto ha come obiettivo la promozione del benessere psicologico e la prevenzione dell'isolamento sociale nei pazienti con malattie neuromuscolari, con un sostegno attivo per le rispettive famiglie e offrendo uno spazio di ascolto e supporto anche ai caregivers.

Mantova - Inclusione a scuola

Il progetto è volto a sensibilizzare le giovani generazioni sul tema della disabilità offrendo un'occasione di riflessione e possibilmente di critica/autocritica su aspetti della vita sociale, attraverso incontri nelle scuole elementari di Mantova e provincia.

Segui gli sviluppi del progetto.

Mazara del Vallo - ABC della vita indipendente

Obiettivo è contrastare l'isolamento sociale in cui vivono i soggetti con disabilità offrendo risposte qualificate e concrete ai bisogni di autonomia, socializzazione e integrazione sociale, attraverso attività e laboratori ludico-ricreativi dove verranno utilizzati strumenti tecnologici innovativi come la sedia per l'autonomia ERGOSTAND o la FaceMouse Machine.

Modena - Mobilità e qualità della vita

Scopo del progetto è fornire ai soci la possibilità di partecipare ad attività ludiche e ricreative con percorsi organizzati ad hoc, gestiti in modo da permettere la partecipazione autonoma e la condivisione di tempo e spazi insieme ad altre persone.

Monza - E ... state con noi

Si intende formare alcuni educatori all'assistenza e alla relazione con ragazzi disabili, sollevando dal carico assistenziale i genitori nel periodo di chiusura delle scuole. Inoltre si prevedono l'offerta di un percorso di confronto e mutuo aiuto su tematiche che riguardano gli adolescenti e la realizzazione di un libro bianco sulle "periferie" della città.

Napoli - Oltre le barriere

Il progetto intende intensificare e consolidare l'azione della Sezione sul territorio per sostenere e migliorare la qualità di vita delle persone con disabilità, in particolare garantendo due tipologie di servizi: il trasporto delle persone con disabilità e l'offerta di attività di socializzazione e inclusione sociale attraverso quattro laboratori specifici.

Ottaviano - Finestra UILDM Ottaviano

Si intende implementare servizi già esistenti in Sezione e formare altri volontari per il supporto psicologico ai bambini con disabilità nelle due scuole con cui la Sezione già collabora da tempo. Lo scopo del progetto è quello di incrementare i giorni di ricevimento dello psicologo allo sportello della Sezione e permettere che lo stesso sia presente nelle scuole.

Segui gli sviluppi del progetto.

Padova - Acquamotricità e riabilitazione

Il progetto mira a offrire ai soci attività riabilitative in acqua. La riabilitazione è intesa come un processo di educazione delle capacità personali e di soluzione dei problemi, nel corso del quale si permette a una persona con disabilità di raggiungere il miglior livello di vita possibile sul piano fisico funzionale, sociale ed emozionale.

Pordenone - Sportello Famiglia

Obiettivo del progetto è la strutturazione dello Sportello Famiglia per l'ascolto delle persone con patologie neuromuscolari e dei caregivers. Il progetto completa l'offerta di assistenza fornita da uno psicologo già a disposizione delle famiglie.

Roma - Disabilità neuromuscolare: diritto di parola diritto di esistere!

Il progetto ha come obiettivo favorire l'espressione e il protagonismo attivo di giovani adulti con disabilità neuromuscolare a rischio di esclusione sociale. Questo attraverso il coinvolgimento diretto di nuove persone con disabilità nella gestione della web radio Finestraperta. Segui gli sviluppi del progetto.

Salerno - Laboratori per l'autonomia

Il progetto si propone di alleviare il carico dei caregivers con l'istituzione di spazi di aggregazione e integrazione dove i partecipanti svolgono attività laboratoriali finalizzate a favorire la socializzazione e a stimolare le capacità e le potenzialità individuali all'interno di un gruppo. Segui gli sviluppi del progetto.

Saviano - Centro sociale "Ragazzi Di Andrea"

Il progetto mira al potenziamento del centro sociale già esistente, incrementando e diversificando l'offerta di attività e occasioni di socializzazione rivolte agli utenti con disabilità. Obiettivo del progetto è l'attivazione di tre nuovi laboratori finalizzati a potenziare le abilità espressive, sociali e intellettive.

Udine - La salute in casa

Con questo progetto la Sezione si propone di migliorare la qualità dell'assistenza che le persone con gravi disabilità ricevono all'interno della propria abitazione nella provincia di Udine.

Venezia - 1,2,3,4 ... 100 primavere!

Il progetto presentato mira a una ridefinizione logistica degli spazi interni del centro medico sociale della Sezione, quali palestra e piano superiore, per la predisposizione di luoghi atti ad accogliere i bambini con disabilità.

Verona - Mobilit-Azione

Il progetto ha come scopo quello di intensificare un servizio che è già presente all'interno della Sezione, quello del trasporto, aumentando così anche il numero di volontari da coinvolgere.

Vicenza - Riabilitazione per pazienti neuromuscolari

L'obiettivo del progetto è quello di continuare a garantire terapie riabilitative ai soci non previste dal SSN, quali idrokinesiterapia in piscine attrezzate e con l'aiuto di volontari per il trasporto, oppure un ciclo di fisioterapia a domicilio o in strutture idonee. Sono servizi che la Sezione offre a proprio carico da oltre 8 anni.

Contribuisci anche tu alla realizzazione dei progetti UILDM. Aiutaci ora!

Ritratto di admin07_FTx

admin07_FTx